Novità di Android 12 per le aziende

Questa pagina fornisce una panoramica delle nuove API aziendali, funzionalità e modifiche del comportamento introdotte in Android 12 (livello API 31).

Profilo di lavoro

Le seguenti nuove funzionalità sono disponibili in Android 12 per i profili di lavoro.

Miglioramenti a sicurezza e privacy per il profilo di lavoro

Le seguenti funzionalità sono disponibili in Android 12 per i dispositivi personali con un profilo di lavoro:

  • La funzionalità di complessità delle password imposta requisiti per le password a livello di dispositivo sotto forma di bucket di complessità predefiniti (Alta, Media, Bassa e Nessuno). Se necessario, è possibile invece applicare requisiti rigidi per le password per la verifica della sicurezza del profilo di lavoro.
  • L'onboarding per la verifica della sicurezza del profilo di lavoro è stato semplificato. La configurazione ora tiene conto di se il passcode del dispositivo soddisfa i requisiti dell'amministratore e consente all'utente di scegliere facilmente se aumentare la sicurezza del passcode del dispositivo o utilizzare la verifica di sicurezza del profilo di lavoro.
  • Un ID specifico per la registrazione fornisce un ID univoco che identifica la registrazione del profilo di lavoro in una determinata organizzazione e rimarrà stabile dopo il ripristino dei dati di fabbrica. L'accesso ad altri identificatori hardware del dispositivo (IMEI, MEID, numero di serie) viene rimosso per i dispositivi personali con un profilo di lavoro in Android 12.
  • I dispositivi di proprietà dell'azienda, con e senza profili di lavoro, possono adottare le funzionalità elencate nelle voci precedenti dell'elenco, ma non sono tenuti a farlo in Android 12.
  • Puoi impostare e recuperare il logging di rete del profilo di lavoro. Puoi delegare il logging di rete sul profilo di lavoro a un'altra applicazione di lavoro. Non puoi utilizzare il logging di rete per monitorare il traffico nel profilo personale.
  • Gli utenti dispongono di controlli per la privacy aggiuntivi per le app del profilo di lavoro. Gli utenti possono concedere le seguenti autorizzazioni alle app del profilo di lavoro, a meno che non negate l'amministratore IT. Per ogni app nel profilo di lavoro, l'utente può consentire o negare le seguenti autorizzazioni:
    • Posizione
    • Fotocamera
    • Microfono
    • Sensore indossabile
    • Attività fisica

Dispositivi di proprietà aziendale

Per i dispositivi di proprietà dell'azienda sono disponibili le seguenti nuove funzionalità. Il termine dispositivo di proprietà dell'azienda si riferisce sia ai dispositivi completamente gestiti sia ai dispositivi dei profili di lavoro di proprietà dell'azienda.

Altro

La seguente sezione descrive le modifiche alle API aziendali che non sono specifiche per i profili di lavoro o i dispositivi di proprietà dell'azienda.

Gestione dei certificati dei dispositivi non gestiti

I dispositivi senza gestione ora possono sfruttare la generazione di chiavi on-device di Android per gestire i certificati:

  • L'utente può concedere a un'app di gestione dei certificati l'autorizzazione a gestire le proprie credenziali (esclusi i certificati CA).
  • L'app di gestione dei certificati può utilizzare la generazione di chiavi sul dispositivo di Android.
  • L'app di gestione dei certificati può dichiarare un elenco di app e URI in cui le credenziali possono essere utilizzate per l'autenticazione.

Le nuove API forniscono nuove funzionalità:

Miglioramenti a privacy e trasparenza per i dispositivi completamente gestiti

Gli amministratori IT possono gestire le concessioni o scegliere di disattivare la gestione delle autorizzazioni relative ai sensori durante il provisioning. Se l'amministratore sceglie di gestire le autorizzazioni, gli utenti visualizzeranno un messaggio esplicito durante la procedura guidata di configurazione. Se l'amministratore sceglie di disattivare la funzionalità, agli utenti viene chiesto di accettare o negare le autorizzazioni in-app al primo utilizzo dell'app. Gli amministratori possono sempre negare le autorizzazioni.

Configurazione di rete

Un controller dei criteri dei dispositivi (DPC) può ottenere l'elenco delle reti configurate di un dispositivo senza richiedere l'autorizzazione di accesso alla posizione utilizzando una nuova API getCallerConfigdNetworks anziché utilizzare l'API esistente getConfigdNetworks (che richiede l'autorizzazione di accesso alla posizione). L'elenco di reti restituito è limitato alle reti di lavoro.

Un DPC sui dispositivi completamente gestiti può garantire che solo le reti fornite dall'amministratore siano configurate sul dispositivo, anche senza richiedere l'autorizzazione di accesso alla posizione.

Gli amministratori possono utilizzare le chiavi generate nell'hardware sicuro per l'autenticazione Wi-Fi concedendo una chiave KeyChain al sottosistema Wi-Fi per l'autenticazione e configurando una rete Wi-Fi aziendale con quella chiave.

Deprecazioni

Android 12 include le seguenti API deprecate:

  • I servizi setPasswordQuality() e getPasswordQuality() sono deprecati per l'impostazione di un passcode a livello di dispositivo sui dispositivi con profili di lavoro che sono dispositivi personali anziché di proprietà dell'azienda. I DPC devono invece usare setRequiredPasswordComplexity().
  • setOrganizationColor() e getOrganizationColor() sono completamente deprecate in Android 12.
  • android.app.action.PROVISION_MANAGED_DEVICE non funziona più su Android 12. I DPC devono implementare attività con filtri per intent per le azioni di intent ACTION_GET_PROVISIONING_MODE e ACTION_ADMIN_POLICY_COMPLIANCE. L'utilizzo di ACTION_PROVISION_MANAGED_DEVICE per avviare il provisioning non riuscirà. Per continuare a supportare Android 11 e versioni precedenti, i provider EMM devono continuare a supportare la costante PROVISION_MANAGED_DEVICE.
  • I servizi setPermissionPolicy() e setPermissionGrantState() sono deprecati per concedere autorizzazioni relative ai sensori per tutti i dispositivi del profilo di lavoro che hanno come target Android 12 e versioni successive. Questo ritiro causa le seguenti modifiche:
    • Sui dispositivi di upgrade da Android 11 ad Android 12, le concessioni di autorizzazioni esistenti rimangono attive, ma non è possibile ottenere nuove concessioni.
    • La possibilità di negare le autorizzazioni rimane.
    • Se sviluppi e distribuisci applicazioni sulla base di autorizzazioni concesse dall'amministratore, devi assicurarti che seguano il metodo consigliato per richiedere le autorizzazioni.
    • Le applicazioni che seguono il metodo consigliato per richiedere le autorizzazioni continuano a funzionare come previsto. Agli utenti viene chiesto di concedere l'autorizzazione ; l'app deve essere in grado di gestire qualsiasi risultato.
    • Le applicazioni che si basano sulle autorizzazioni concesse dall'amministratore e che accedono esplicitamente a risorse protette da autorizzazione, senza seguire le linee guida, potrebbero arrestarsi in modo anomalo.

Scopri di più

Per conoscere altre modifiche che potrebbero influire sulla tua app, leggi le pagine relative alle modifiche del comportamento di Android 12 (per le app destinate ad Android 12 e per tutte le app).